Antropologia Milano è un sito dedicato alla disciplina che studia l'essere umano dal punto di vista sociale, culturale, evolutivo, artistico, filosofico, religioso e morfologico. Contribuisci anche tu con dibattiti sulla cultura e sulla società e commenta gli approfondimenti che vengono da noi regolarmente proposti e pubblicati.

Tornano a Pistoia i “Dialoghi sull’uomo”

Anche per il 2016 si ripete in Toscana, nella città di Pistoia, il festival dell’antropologia contemporanea chiamato “Dialoghi sull’uomo”, che nell’edizione passata ha fatto registrare ben 20 mila presenze. La nuova edizione si svolge dal 27 al 29 maggio e ha come titolo “L’umanità in gioco.

Società, culture, giochi”; ovvero il tema centrale quest’anno è l’attività ludica e il modo in cui il gioco influisce sulla nostra identità, come è cambiato nel tempo, quali sono i suoi risvolti più profondi e meno immediatamente intellegibili. Questa interessante tematica sarà sviscerata come di consueto attraverso spettacoli, convegni, incontri ,attività di vario genere che avranno luoghi in diversi spazi della città di Pistoia. Come sempre, interverranno tanti personaggi diversi, antropologi e filosofi, psicoterapeuti e professori, ma anche sportivi, giornalisti, attori, in un susseguirsi di ben 25 appuntamenti che toccheranno i più diversi aspetti del mondo del gioco. Al teatro Manzoni venerdì 27 maggio sarà presente Gioele Dix con lo spettacolo “Novella degli scacchi”, dove questo gioco di abilità diventa allegoria della vita stessa in cui bisogna studiare le proprie mosse con attenzione per risultare vincenti. Arturo Brachetti metterà in campo tutta la sua abilità istrionica sabato 28, sempre al teatro Manzoni, con il suo spettacolo di trasformismo in cui è capace di dimostrare come, per gioco, egli sia in grado non solo di vestire i panni ma anche la personalità dei personaggi che interpreta. Il programma dei “Dialoghi sull’uomo” prevede anche una sorta di cineforum, con la proiezioni di film che hanno come tema il gioco, tra cui “Lo spaccone” (1961) con Paul Newman che interpreta un giocatore di biliardo, e “Il grande peccatore” 1949, che indaga i meccanismi del gioco d’azzardo. Il gioco d’azzardo è anche protagonista di alcuni degli incontri previsti nel corso della tre giorni di antropologia pistoiese. Sarà Stefano Bartezzaghi, semiologo e scrittore, a parlare dei rischi che si corrono diventando dipendenti dal gioco d’azzardo. Bartezzaghi ha analizzato la stessa tematica nel suo libro “La ludoteca di Babele”. Il gioco in quanto tale viene percepito come innocuo, ma non sempre lo è, come dimostra anche il fatto che un numero sempre maggiore di persone, oltre a dedicarsi ai casinò e al gioco d’azzardo, si dedichi anche alla finanza “giocando in borsa”. All’interno dei “Dialoghi” però si affronteranno anche tematiche più leggere: si parlerà di gioco televisivo con Davide Tortorella, storico autore di quiz e rompicapo per alcuni dei più noti conduttori del piccolo schermo italiano (Paolo Bonolis, Gerry Scotti, Mike Bongiorno) e del gioco per eccellenza nel nostro paese, il calcio. Il gioco del calcio è portatore di una simbologia molto forte in chiave antropologica: esso richiede spirito di gruppo ma anche volontà di primeggiare e dimostrare le doti individuali, comporta una dose di fortuna e l’aiuto della giustizia (l’arbitro). Marco Tardelli, noto ex calciatore, parlerà di questo gioco cercando di recuperarne i valori primigeni, quelli che troppo spesso al giorno d’oggi vengono dimenticati: umiltà, umanità e volontà di crescita personale. Si parlerà inoltre di letteratura, grazie allo scrittore Alessandro Piperno che in particolar modo analizzerà le opere di Vladimir Nabokov, dimostrando come questo autore trattasse il gioco come illusione. Molti altri gli appuntamenti in programma, affiancati dalla mostra fotografica “In gioco” dove verranno esposti gli scatti di Ferdinando Scianna e che si potrà visitare presso le Sale Affrescate del Palazzo Comunale di Pistoia. Ci saranno inoltre, assolutamente in linea con il tema dei “Dialoghi sull’uomo”, dei giochi culturali, tra cui una caccia al tesoro e quiz e cruciverba da risolvere. Il biglietto di ingresso per l’evento è di 7 euro, 3 euro per chi ha diritto alla riduzione.